domenica 19 aprile 2020

I BENEFICI DELLA PISCINA TESTATI CONCRETAMENTE SUI NOSTRI CANI

Dopo aver appreso la teoria, il divertimento arriva con la messa in pratica. Nel precedente articolo vi ho mostrato quali sono i reali benefici che un cane riceve lavorando in piscina, risultati che hanno ottenuto ricercatori da studi internazionali.
Nella piscina per cani, che abbiamo costruito nel nostro centro cinofilo, accogliamo giornalmente soggetti molto diversi tra loro per età, razza e obiettivi da raggiungere. I miei stessi cani seguono programmi di allenamento differente, incentrati sui loro singoli fabbisogni fisici. Per questo noi abbiamo la grande opportunità di poter testare dal vivo tutti i benefici che l'allenamento costante in piscina ci può dare; partendo da un benessere generale per il cane, arrivando ad altri risultati come:
• il benessere psicologico, per conseguenza dell'abbassamento dello stress;
• riduzione di comportamenti dettati da uno stato ansioso o fobico;
• possibilità di movimento per cani con difficoltà deambulatorie;
• migliore e più veloce riabilitazione motoria in seguito ad eventi traumatici;
• benessere fisico con riduzione di dolori, soprattutto per i cani più anziani;
• recupero del peso forma per i cani obesi o con tendenza al sovrappeso
• ambiente perfetto in cui i cani giovani o molto attivi possono incanalare tutte le loro energie;
• migliore performance sportiva dei cani da lavoro e da competizione. In quest'ultimo caso è stato particolarmente evidente come un costante e mirato allenamento in piscina abbia apportato beneficio al cane durante il lavoro di ricerca, pista e difesa ed una minore probabilità di subire un infortunio soprattutto durante salti di ostacoli e palizzate. Questo è il risultato del lavoro in piscina il quale comporta un incremento della capacità cardio-respiratoria e la possibilità di allenare tutti i muscoli del corpo in maniera diversa ed alternata. Durante l'attività fisica, agonistica e non, i muscoli e le articolazioni vengono sottoposti a forte stress e se il cane non è fisicamente ben preparato ha una maggiore probabilità di incorrere in infortuni come strappi muscolari, tendiniti, ernie, rotture dei legamenti crociati, fratture.
Come si fa ad allenare diversi muscoli in diversi modi? In piscina è facile! Cambiare lo stile di nuoto è possibile utilizzando strumenti, come paracadute ed elastici, che creano una maggiore resistenza durante il nuoto, costringendo il cane a cambiare modalità di spinta.
Immagine soggetta a copyright

Immagine soggetta a copyright 


Immagine soggetta a copyright 


Immagine soggetta a copyright 
Incitamenti verbali e stimolazioni che fanno leva sul naturale istinto predatorio del cane aiutano altresì a sviluppare diverse modalità di nuoto. Osservando il cane durante il suo allenamento salta all'occhio in modo evidente come si attivino muscoli diversi e movimenti diversi in base al tipo di esercizio richiesto. Questo fatto si mostra in modo ancora più ecclatante osservando un cane esperto, il quale è in grado di rispondere immediatamente, al lavoro che gli viene richiesto, nella maniera più efficiente, sia esso un lavoro di resistenza o di sprint. Come nell'addestramento, bisogna comunque tenere conto che ogni cane rappresenta un soggetto a sè stante, diverso da un altro. Quindi, per ognuno ci si dovrà comportare in modo differente, adattandosi alla personalità del cane, alla sua razza, età, peso, struttura corporea, obiettivo finale (allenamento atto ad incrementare la resistenza;  lo sprint; la perdita di peso; mantenimento della forma fisica etcetera). Lo stesso obiettivo finale dovrà tenere ben conto di tutte le altre caratteristiche perchè a parità di obiettivo il programma di allenamento risulterà diverso a seconda di come può rispondere un soggetto. Anche l'alimentazione dovrà variare per andare incontro alle nuove esigenze. 
Oltre a programmi di resistenza e sprint, la piscina ci viene d'aiuto per creare nuovi stimoli e modalità di allenamento, lavorando anche sulla propriocezione, il tutto giocando e facendo divertire il cane in totale sicurezza. Infatti, lavorare in acqua significa non creare stress sulle giunture; avere una minore probabilità di infortunio e poter lavorare nelle giornate più calde rinfrescando il cane e abbassando il rischio di un colpo di calore. Avere poi una piscina con possibilità di copertura rappresenta il massimo del vantaggio in quanto il cane può mantenere l'allenamento durante tutto l'anno, anche nelle giornate fredde e di maltempo.

Immagine soggetta a copyright

Immagine soggetta a copyright

Immagine soggetta a copyright

Immagine soggetta a copyright

Immagine soggetta a copyright

Immagine soggetta a copyright

Infine, in piscina possiamo creare non solo stili diversi di nuoto, ma anche percorsi di agilità con tunnel, slalom e galleggianti che stimolano la mente del cane per la risoluzione di problemi diversi, unendo così l'esercizio fisico e quello mentale, ottenendo il mix perfetto.

Tutte le immagini sono dei nostri cani in piscina, per questo sono soggette a copyright.

È vietata la riproduzione senza citarne la fonte





martedì 7 aprile 2020

CANI IN ACQUA

I REALI BENEFICI DELL'ESERCIZIO FISICO IN PISCINA.

L'acqua è un elemento naturale caratterizzato da proprietà fisiche che si rivelano particolarmente importanti per il benessere dei nostri cani.

I risultati ottenuti da ricerche compiute in merito all'esercizio fisico in piscina hanno stabilito che i cani regolarmente allenati in acqua beneficiano di:
- un aumento della forza e della potenza muscolare;
- un aumento della resistenza fisica;
- un aumento della resistenza cardiorespiratoria;
- una maggiore flessibilità articolare;
- acquisizione di una maggiore agilità;
- un aumento del benessere psicologico;
- diminuzione del dolore fisico;
- diminuzione del rischio di infortunio
- allenamento senza nessuna pressione sulle articolazioni
- diminuzione del rischio di ipertermia (colpo di calore)

Qual è il segreto dell'acqua? Com'è possibile avere tutto questo beneficio con il minor rischio? La risposta è racchiusa nelle proprietà fisiche dell'acqua, nel particolare abbiamo:

• la galleggiabilità -> secondo il principio di Archimede, un corpo immerso in un fluido subisce una spinta dal basso verso l'alto pari al peso del liquido spostato. La galleggiabilità è quella spinta verso l'alto che l'acqua attiva sul corpo immerso, creando un'apparente diminuzione del peso corporeo. Questa proprietà permette di lavorare senza pesare sulle articolazioni. Questo rende ottimo il nuoto per tutti i cani, ma in particolar modo per i soggetti sia con muscolatura debole che con articolazioni doloranti.
• La pressione idrostatica -> secondo la legge di Pascal su un corpo immerso ad una determinata profondità viene esercitata una pressione da parte del fluido, in egual modo su tutta la sua superficie, e maggiore sarà la profondità di immersione, maggiore sarà la pressione esercitata. La pressione idrostatica che subisce il corpo immerso crea un ambiente migliore per la cura di giunture gonfie ed edemi, in quanto la pressione idrostatica agisce sulla tendeza del sangue di agglomerarsi in un punto.  La pressione idrostatica sembra essere anche responsabile dell'attivazione di recettori sensoriali in grado di alleviare il dolore durante la fase di esercizio fisico. Il soggetto può in questo modo eseguire una varietà di movimenti con meno sofferenza.
• La viscosità-> definita come la misura della resistenza alla frizione causata dalle forze coesive e attrattive tra le molecole del liquido. La viscosità non è altro che la resitenza al flusso del fluido. Questa resistenza aumenta con l'aumentare della velocità di movimento. È evidente che il muoversi in acqua è decisamente più difficile che sulla terra perchè la viscosità dell'acqua è maggiore di quella dell'aria. In questo modo l'acqua fornisce una resistenza che viene utilizzata per rafforzare i muscoli e aumentare la capacità cardiovascolare. Inoltre grazie alla viscosità il soggetto immerso in acqua beneficia di un aumento della consapevolezza sensoriale e può lavorare consolidando giunture instabili.
Galleggiabilità e viscosità permettono a cani con problemi ortopedici, di deambulazione e in sovrappeso, di lavorare con più sicurezza e meno ansia, grazie al supporto fisico che ricevono.

VANTAGGI DEL LAVORO IN PISCINA RISPETTO AL TAPPETO IN VASCA (O WATER TREADMILL)

La piscina viene usata per creare un ambiente di lavoro in cui il cane può compiere un tipo di esercizio fisico atto ad incrementare la funzionalità muscolare e cardiovascolare con un rischio minimizzato di incorrere in un infortunio. Per questo si adatta bene a tutti i soggetti, dagli sportivi ai cuccioli e a quei cani in sovrappeso o con problemi articolari.
Tutte le proprietà e relativi benefici visti sopra sono tipici del lavoro in piscina. Inoltre è stato studiato come una tempestiva terapia in acqua velocizzi i tempi di guarigione nel caso di una riabilitazione post operatoria.
Più in generale l'attività in piscina permette di compiere esercizi fisici vigorosi senza gravare sulle articolazioni ed eseguire movimenti impossibili sulla terra, soprattutto per quei cani con problemi ortopedici e di peso.
Inoltre i cani sportivi possono contare su un allenamento efficiente riducendo al minimo l'insorgere di ipertermia o colpo di calore durante l'attività fisica.
Un altro vantaggio della piscina è quello di poter usare giochi galleggianti, elastici e dispositivi vari per creare un ambiente di lavoro divertente e stimolante incoraggiando l'uso di diverti tipi di nuoto.

In particolare l'esercizio fisico in acqua nei cani viene raccomandato per:
- migliorare lo stato psicologico
- migliorare la funzionalità fisica
- migliorare la resistenza cardiocircolatoria
- migliorare l'attività sportiva e l'agilità
- rafforzare i muscoli
- migliorare la flessibilità articolare
- attenuare dolori, gonfiori ed edemi
- ritornare a un peso forma, assai importante per la salute del cane
- recupero di tono e forza muscolare
- permettere attività motoria nei cani con difficoltà a camminare
- alleviare tendiniti
- lavorare su problematiche neurologiche
- stabilizzare i legamenti crociati
- aiutare una più efficiente riabilitazione post operatoria
Cani con determinate problematiche però non dovrebbero entrare in acqua, cioè soggetti con:
- problemi cardiaci e respiratori
- ferite aperte
- infezioni e dermatiti in corso
- tendinite acuta del bicipide e stiramenti muscolari
- incontinenza e diarrea.

L'IMPORTANZA DEL SALVAGENTE

Prima di mettere un cane in acqua bisogna prendere le dovute precauzioni. Tra queste è raccomandato l'uso del salvagente per cani il quale minimizza il rischio di infortunio, non permette ai cani agitati di poter affogare e dona un maggiore senso di sicurezza al cane.

(Fonte: "Canine rehabilitation and physical therapy" Mills, Levine, II edizione)

Se questo articolo ti è piaciuto probabilmente potrebbe interessarti anche il prossimo, in cui vedremo queste proprietà applicate ai cani del nostro centro. Stay tuned!


giovedì 6 dicembre 2018

Happy Dogs, cosa trovi da noi...

Nella attuale realtà, la gran parte di coloro i quali decidono di prendere con sé un cane, lo fa per trovare in esso la compagnia ed affetto e quindi, mai come oggi, è lecito usare il termine amicizia per definire il rapporto tra un essere umano ed il suo cane. Una buona amicizia nasce quando ci si rispetta, quando si è interessati a condividere del tempo di vita insieme, quando si risponde ai reciproci bisogni, quando ci si vuole bene. Affinché questo avvenga è fondamentale capirsi. Nella relazione col cane, poiché ognuno dei due ha un linguaggio diverso, questo è uno snodo cruciale ed è soprattutto l'uomo che deve imparare; deve imparare a comprendere il cane per poter con esso comunicare così da potergli trasmettere regole corrette per una buona ed equilibrata convivenza. Per imparare tutto ciò è necessario che entrambi affrontino insieme un percorso di educazione ed è bene che ciò avvenga con l'aiuto e la guida di persone competenti ed esperte in grado di svolgere il ruolo di interprete tra i due soggetti.
Un buon affiatamento, una convivenza sana, equilibrata e rilassata: questo è il traguardo da raggiungere, ed è questa la base fondamentale per altri traguardi, siano essi le relazioni della vita famigliare e sociale, oppure addestramenti avanzati e competizioni sportive.
Happy Dogs è nata per questo e se questo vi interessa vi aspettiamo...

venerdì 27 luglio 2018

QUESTIONI DI CONVIVENZA

Qualche mese fa arrivarono al campo due cagnoline meticce di 5 kg ciascuna, accompagnate dalla loro proprietaria disperata. Quelle due frugolette, sorelle, anche se tanto piccole davano grandi pensieri alla loro umana.

Benché cresciute assieme, raggiunta l’età adulta una delle due decise di prendere in mano le redini del comando; come natura vuole, dopo tutto. Il problema era che l’alpha era diventata pesantemente prepotente e aggressiva tanto da non permettere alla sorella di muoversi, la quale finì per non uscire più da sotto la sedia della cucina. Non poteva camminare, correre o mangiare perché l’altra subito l’attaccava. Fu allora che la proprietaria si rivolse al nostro centro.

Questa situazione provocava molto stress e ansia a entrambe le cagnoline e la vittima bullizzata sarebbe a breve caduta in depressione senza un intervento. Questi sintomi si sono visti da subito alle prime lezioni di addestramento. La questione principale era riportare ordine nei ranghi in cui a capo della gerarchia doveva esserci la proprietaria e non uno dei due cani. Abbiamo poi lavorato, tramite esercizi specifici di addestramento, per eliminare lo stato ansioso di entrambe le sorelle e finalmente riportato pace e ordine nel branco. Ora possono stare insieme, anche sole in casa, mangiare insieme e passeggiare insieme come una vera famiglia, senza più problemi di convivenza. Tutto questo grazie anche all’impegno costante che la proprietaria ha messo, seguendo ogni passo da noi dettato.
Non è la prima volta che ci occupiamo di un caso del genere e questi problemi di convivenza accadono frequentemente tra due femmine tanto quanto tra due maschi. Consigliamo sempre di seguire un percorso di educazione per tutti i cuccioli, siano essi di futura taglia grande o piccola, di razza o meno, proprio per prevenire l’insorgenza di futuri problemi comportamentali di qualsiasi tipo, i quali derivano per la maggior parte dei casi da una gestione scorretta da parte del proprietario.
Ricordiamo infine che l’addestramento da solo non risolve i problemi. Essi si risolvono quando si affianca l’applicazione corretta del comportamento naturale dei cani e soprattutto quando i proprietari si impegnano nel rispettarlo.

Questa che vi ho raccontato è stata un’avventura dura e impegnativa (anche se a onor del vero abbiamo visto ben di peggio), ma la soddisfazione di vedere risultati così conclamati e la serenità dei cani ripaga appieno tutti gli sforzi!



venerdì 25 maggio 2018

MODULO ISCRIZIONE GARE

Al seguente link trovate un modulo on-line da compilare quando dovete iscrivere un vostro cane ad una gara organizzata presso il nostro centro cinofilo.

L'iscrizione sarà comunque considerata valida solo se inviata entro i termini prestabiliti e comunicati per ogni manifestazione.

Ogni volta che inviate una iscrizione, entro un paio di giorni, ci teniamo a inviare una e-mail di conferma a nostra volta... per cui controllate la vostra e-mail! Se non è arrivata alcuna conferma chiamateci!

IMPORTANTE!!! Nel modulo di iscrizione viene richiesto il NUMERO ROI. Questo numero è obbligatorio solo per chi ha il pedigree (lo trovate in alto a destra), per tutti gli altri che non hanno il pedigree basta scrivere "NESSUNO" perchè se non compilate tutti i campi non potete inviare l'iscrizione. Grazie!

  • PER ISCRIVERTI A UNA QUALSIASI GARA CINOFILA ORGANIZZATA NEL NOSTRO CENTRO CLICCA QUI
  • PER ISCRIVERTI A UNA PROVA DI UTILITA' E DIFESA  ORGANIZZATA NEL NOSTRO CENTRO MA IN COLLABORAZIONE CON CLUB SPECIALIZZATI DI RAZZA: .ROTTWEILER: CLICCA QUI / PASTORE TEDESCO: CLICCA QUI







sabato 20 gennaio 2018

SCIURA DELE

"Finalmente in pensione, finito il Dovere, ora posso dedicarmi al Piacere", pensava, mentre sfogliava Google in cerca di chi avrebbe dovuto diventare il suo compagno di scorribande.

Pochi mesi dopo, ecco che, un musetto nero, dall'espressione furbetta, entra nelle nostre vite, e le stravolgerà!

Un bellissimo Malinois, un cane selezionato per l'Esercito ed i Corpi Militari, che non ha paura neanche delle bombe...l'ideale per due sessantenni inesperti e già un po' rinco...Ussignur  !!

Io ero molto preoccupata di come sarebbe stato il nostro futuro, con un tale personaggio, carico di personalità. Cerchiamo un Campo Addestramento per farci aiutare, e lo scegliamo usando il miglior sistema scientifico conosciuto:  "Ambarabà ccicci ccocco". In quel momento non sapevo che la mano di Dio si era posata sulla nostra. 

E' così che incomincia la nostra storia con l'Happy Dogs ed il suo titolare - istruttore - amico, Salvatore. Solo 4 mesi dopo, le carte in tavola cambiano drasticamente. Anche se aveva ancora tante cose da fare e di cui gioire, mio marito è stato chiamato al cospetto di Dio. Colui che si era scelto il suo compagno, se ne era andato, ed io, col cuore a pezzi, gattofila da 30anni, mi sono ritrovata da sola, con un cucciolo di Malinois in crescita. Un monello dolce ed affettuoso, irruento, scapestrato e farfallone, come tutti gli adolescenti...anche umani.

Tutte le persone che frequentano l'Happy Dogs coi loro pelosoni, hanno fatto cerchio attorno a me per proteggermi ed aiutarmi. Primo fra tutti, Salvo, che continua tuttora, a prodigarsi, cercando di fare miracoli, con una zucca come me. Infatti, con mia grande incoscenza e da Cinofila Improvvisata, ho scelto di tenere e di proseguire l'addestramento di un cane "prettamente consigliato per esperti ed addestratori". Un grande cane tutto sprint, di cui vado fiera. Anche se, con le sue partenze a molla "4 x 4", mi sbatacchia per terra...ogni 3 per 2. Al momento sono ancora tutta intera, e spero che arriverà il giorno in cui potrò cancellare dal mio cellulare, il numero del Reparto di Ortopedia. 

In questo anno di sopravvivenza, affrontato alla Carlona, con paura ed incertezza; sono stata appoggiata e sorretta da tante mani che Dio ha messo attorno a me quel giorno. Grazie a tutti voi.

Adele



mercoledì 27 settembre 2017

STAGE DI IPO CON MARCEL WISSING

Durante il week-end del 22-24 Settembre si è tenuto presso il nostro centro addestramento uno stage di IPO con il figurante tedesco Marcel Wissing, un grande amico e una persona davvero squisita che è già stata nostra ospite lo scorso Aprile. Sono stati tre giorni fantastici, all'insegna della sportività, dell'amicizia e sopratutto del rispetto del cane. 

Abbiamo lavorato sulla fase di difesa dell'IPO con tante razze diverse come Rottweiler, Pastore Tedesco, Boxer, Dobermann, Malinois e anche meno "famose" in questo sport come il Weimaraner, Pastore Australiano, Bull terrier, Cane Corso ed è stato un lavoro più che positivo per tutti quanti i cani. 

Il venerdì è stato dedicato ad un primo test dei cani e ad una iniziale impostazione del lavoro; il sabato invece tutti a bagno! Abbiamo lavorato in acqua nella nostra piscina creata appositamente per i nostri pelosi e inaugurata ad agosto di quest'anno. I cani meno esperti hanno imparato a superare alcune loro piccole paure mentre i più smaliziati si sono goduti una giornata davvero alternativa. Domenica invece siamo tornati sul campo a lavorare, sempre in fase C, per rifinire soprattutto la parte di obbedienza. 

Dopo la prima volta che Marcel è stato nostro ospite i cani sono mentalmente e tecnicamente cresciuti e dopo questo week-end siamo tutti quanti migliorati ancora. Non si smette mai di imparare e si può migliorare sempre di più! Sono stati tre giorni davvero bellissimi e dai cuccioli agli adulti, dai meno esperti ai più preparati, cani e umani si sono divertiti moltissimo! Ma non solo, grazie alla professionalità di Marcel siamo tutti quanti cresciuti imparando nuove cose e correggendo gli errori, con calma e senza coercizione, passo dopo passo fino al raggiungimento dell'obiettivo prefissato. 

Abbiamo avuto davvero la fortuna di trovare questo figurante giovane ma molto esperto (ha cinque qualifiche e già parecchi campionati alle spalle) e con un dono innato che sa lavorare i cani senza metterli in stress, anzi rilassandoli e curando eventuali problematiche. 

Dobbiamo ringraziare Marcel per la sua professionalità con la quale non solo lavora i cani, ma insegna anche ai conduttori e a chi si vuole apprestare al lavoro di figurante. 

In attesa di un nuovo week-end si lavorerà nella stessa direzione, ma noi siamo già pronti per la prossima puntata! 

Video in arrivo...tutte le foto sulla nostra pagina Facebook: https://www.facebook.com/happydogsaddestramento/